venerdì 18 maggio 2018

Tuo, Simon di Becky Albertalli

Titolo: Tuo, Simon
Autore: Becky Albertalli
Casa Editrice: Mondadori
Pagine: 252
Prezzo: 17,00€
Link Amazon

Simon ha diciassette anni e un amore segreto per Blu, un ragazzo conosciuto on line con cui intrattiene un'intensa, tenera corrispondenza. Il loro rapporto è al sicuro finché un'email non finisce nelle mani sbagliate: quelle di Martin, il bullo della scuola, che ora minaccia di rivelare a tutti lo scoop dell'anno... a meno che Simon non l'aiuti a conquistare Abby, la ragazza di cui è innamorato ma che non lo degna di uno sguardo. Per proteggere il suo amore, Simon dovrà affrontare per la prima volta la paura di uscire dal guscio che ha costruito intorno a sé, trovando il coraggio di rinunciare alle proprie sicurezze per fare spazio alla bellezza e alla libertà di essere se stessi. Email dopo email, il sentimento per Blu cresce, e così la voglia di conoscersi e di far conoscere agli altri chi è davvero.

Oggi vi parlo del bellissimo romanzo di Becky Albertalli edito da Mondadori.
Era già stato pubblicato con il titolo: Non so chi sei, ma io sono qui.

Questo romanzo parla della vita di Simon.
Della sua routine, fatta di scuola, amici, corso di teatro...e di segreti.
Infatti Simon nasconde a tutti una parte importante della sua vita: l'essere gay.

Però si trova a condividere questo segreto con un ragazzo che ha conosciuto sul forum della scuola, Blu.
Blu e Simon hanno la stessa età, frequentano la stessa scuola ma nessuno dei due conosce l'identità dell'altra persona. Nonostante questo si confidano segreti, scherzano e spesso si confrontano sulla loro vita. Anche Blu non ha ancora confidato ai suoi genitori e agli amici che è gay.

Simon ha due migliori amici: Nick e Leah. Entrambi con due personalità marcate e passioni che li caratterizzano.
La nuova arrivata Abby diventa subito amica di tutti. E' popolare, divertente ed è subito entrata a far parte del gruppo di Simon.
E' molto curioso vedere come la presenza di un quarto elemento modifichi gli equilibri tra di loro.
L'antica dinamica dell'amica innamorata dell'amico, che però è interessato ad un'altra non stona in questo romanzo. 

Senza che Simon se ne accorga, le mail che si scambia con Blu iniziano a diventare qualcosa di essenziale nelle sue giornate. Finché un giorno il suo anonimato viene messo a rischio da Marty.
Marty è un ragazzo che frequenta il corso di teatro con Simon e che per sbaglio ha letto la corrispondenza di posta elettronica che scambia con Blu.
Per mantenere il suo segreto Marty ha solo una richiesta, che Simon lo aiuti a conquistare Abby.

In questo romanzo è facile immedesimarsi nelle vicende del gruppo. Ed è un libro adatto ad ogni età, parla di crescita, di espressione e aiuta a capire che bisogna sempre essere fedeli a se stessi.
Insegna l'importanza dell'amicizia. Dell'appoggio che può arrivare da una persona che si conosce da poco, come da quella con cui si è cresciuti.

Tanti racconti della famiglia di Simon mi hanno fatto sorridere.
Una bella famiglia, composta da lui e le sue due sorelle, tanto diverse ma sempre presenti per lui. E i genitori "giovanili", che si trovano a dover avere il pugno di ferro quando qualcuno esce dalle righe.

E poi l'enigmatico Blu. Fulcro del romanzo, protagonista presente attivamente solo nei capitoli in cui si alternano le mail tra i due. Eppure sempre presente. Nei pensieri di Simon e anche in quelli del lettore che si trova a cercare indizi e supporre che Blu sia quello o quell'altro personaggio.

Anche in questo romanzo si affronta il tema del bullismo.
Marty che con i suoi gesti e azioni finisce per ferire l'animo di Simon.
E che aziona un vero e proprio fenomeno di bullismo.

Simon ha vicino persone speciali che lo difendono e lo aiutano a superare il periodo, ma comunque affrontare il momento di coming out per reazione ad un commento estraneo priva Simon del potere sulle sue stesse azioni. Non ha il controllo del momento. Si ritrova ad affrontarlo.

Un romanzo dolce, simpatico e che riesce ad affrontare con maestria tanti temi.
Consigliato!
Vi lascio la mia tappa del tour in cui parlo di Marty, il bullo.

Nessun commento:

Posta un commento