lunedì 18 aprile 2016

L'amore arriva sempre al momento sbagliato di Brittainy C. Cherry

Titolo originale: Loving Mr. Daniels
Newton Compton Editori
Link Amazon
Ashlyn Jennings è una studentessa modello. Ama follemente leggere, soprattutto i drammi di Shakespeare, dentro i quali, spesso, cerca risposte alle domande che la vita le pone. E adesso di punti interrogativi ne ha molti, dato che ha appena perso sua sorella gemella e, come se non fosse abbastanza, sua madre è caduta in una grave depressione. Ashlyn deve andare a vivere con suo padre e la sua nuova famiglia nel Wisconsin. La devasta anche solo l’idea di trascorrere l’ultimo anno di scuola lontana dai compagni di classe, ma non può che fare le valigie. In viaggio verso la sua nuova casa incontra per caso Daniel Daniels, un uomo distrutto. Lui ha subito due grandi perdite nella sua vita e sta cercando di rimettersi in sesto. Pensa a tutto meno che a trovare l’amore, ma l’incontro con Ashlyn è qualcosa che va oltre le semplici leggi della chimica. Entrambi cercano di dimenticare quello che hanno provato quel giorno, finché non si “scontrano” a scuola, dove essere allieva e professore non facilita affatto le cose...

Ringrazio l'editore per la copia del romanzo. <3
Ero convinta che ogni persona sulla terra avesse una particolare forma di stranezza. E la cosa fica era che lì fuori c'era qualcuno bizzarro esattamente come me (o almeno così speravo). Un'idea che mi tranquillizzava, in un certo senso.
Quando ho letto la trama ho pensato che fosse molto simile a "Tutto ciò che sappiamo dell'amore" di Colleen Hoover. E non nego che ci siano delle somiglianze per quanto riguarda il rapporto professore/allieva. Ma nel complesso è stata una piacevole lettura.

Molto romantica, in alcuni tratti forse troppo (per i miei gusti personali), altre volte è stata triste o drammatica. Perché nonostante sia una storia d'amore si trattano dei temi molto difficili.
Malattia, depressione, droga e suicidio. Il tutto è accompagnato da una melodia di cui non si conosce il ritmo, ma solo le parole. E bastano quelle ad emozionare.

La storia è narrata dalla voce di Ashlyn e quella di Daniel, con una predominanza di capitoli dedicati a lei.
Ashlyn è una giovane ragazza distrutta dal dolore della perdita di sua sorella gemella.
Viene allontanata da casa dalla madre e mandata a dal padre, con il quale non ha un buon rapporto.
Si sente sola e spaesata e riceve l'ennesimo colpo al cuore quando scopre che il padre vive con un'altra famiglia. Così alla tristezza del momento si aggiunge la rabbia di scoprire che la persona che non ha mai svolto il ruolo di padre, lo fa, ma per degli estranei.

Sua sorella defunta le ha lasciato delle lettere, ognuna corrispondente ad un punto di elenco di cose da fare. (Ok, magari questo aspetto mi ha ricordato un pochino "Il mondo in una stanza" di J. L. Berg, ma giuro che le somiglianze finiscono qui XD)
E' bellissimo pensare che Gabby abbia lasciato dei messaggi per Ashlyn o per le persone che condivideranno il percorso della sua vita. Dalla nuova amicizia, al primo amore o per la prima sbronza. Ad ogni lettera si scopre un nuovo aspetto di Gabby, la parte dolce, la parte pazza o quella malinconica.

Nonostante Ashlyn sia allarmata dall'idea di condividere la propria quotidianità con Hailey e Ryan, si troverà coinvolta nel tornado delle loro personalità.
Lei che vive nell'ombra del fratello, che insegue l'amore sbagliato perché convinta di non meritarsi di meglio e Lui che sembra amato da tutti, carismatico e solare, ma che sembra nascondere un grande tormento.
<Perché fingere di essere felici è quasi come esserlo davvero>, mormorò con occhi fissi sulle mie scarpe. <Finché non ti ricordi che stai solo facendo finta. Allora diventi triste. Molto triste. Indossare una maschera ogni giorno è la cosa più difficile e faticosa che ci sia. E anche la più rischiosa, perché dopo un po' ti accorgi che la maschera è diventata parte di te.>
E non dimentichiamoci di lui, il principe azzurro del libro. Daniel Daniels.
E' un quasi perfetto fidanzato di carta. Dolce, amante della letteratura, della musica (suona in un gruppo le cui canzoni sono ispirate a Shakespeare), pazzo, protettivo, ma rispettoso e dolce. Ma dolce, dolce. Forse anche troppo. Ma non stanca. E' come un buon dolce al cioccolato al quale sai di non poter rinunciare, nonostante tu non abbia fame.
Anche lui nasconde tanti scheletri nell'armadio e nel tentativo di aiutare Ash riuscirà ad affrontare anche le sue paure.
Sapete, ci sono due modi di vivere il lutto. Puoi decidere di spalancare il tuo cuore al mondo e continuare a vivere senza dare mai niente per scontato, assaporando pienamente ogni giorno. Oppure metterti un lucchetto nel petto e rinchiuderti in te stesso, rinunciando a comunicare con gli altri. Io, di sicuro, non avevo scelto il primo modo.
Devo ammettere che questo libro è un po' #maiunagioia per i nostri protagonisti. Quando pensi che peggio di così non possa andare, l'autrice si diverte a sconvolgere ulteriormente le carte in tavola.
E fino all'ultimo fai il tifo per loro, e ti auguri possa esserci un lieto fine dopo tante sofferenze.

La narrazione è semplice, ma coinvolgente. Simpatica e fa venire una voglia matta di rileggere le opere di Shakespeare perché sono inseriti riferimenti ovunque in questo romanzo. E si sa, che a noi lettori piace leggere di lettori, per cui son solo punti aggiuntivi. ;)
Una cosa molto bella è che ogni capitolo è introdotto da dei versi delle canzoni del gruppo di Daniel, i Romeo's Quest, e in qualche modo le parole sono collegate agli avvenimenti delle pagine a seguire.
Meccanismo che intriga ulteriormente il lettore.
Tante riflessioni mi hanno accompagnato durante la lettura, per cui posso solo consigliarlo.
L'avrei amata con allegria, tristezza, e gioia, finché il sole non avrebbe ballato sul davanzale della nostra finestra.
Avete letto questo romanzo? Aspetto i vostri commenti. :)

1 commento:

  1. Cri l'ho adorato. Daniel è così dolce, ma sexy, che mi ha caricato i denti... Ma lo amo lo stesso ;)
    Ahahahahahahaha
    Un bacio

    RispondiElimina