sabato 9 gennaio 2016

Ricordati di sognare di Rachel Van Dyken

Titolo originale: Ruin
"Per due anni, è come se non avessi vissuto; ero persa in un baratro di dolore, da cui credevo non sarei più riemersa. Poi ho incontrato Wes Michels. Lui è il raggio di sole che ha squarciato le tenebre della mia esistenza, la luce che mi ha ridato la speranza e la forza di ricominciare. Mi sono affidata ciecamente a lui, anche quando tutti mi dicevano di non farlo: Wes è troppo ricco, troppo impegnato a diventare la nuova stella del football e, soprattutto, troppo corteggiato per rimanere fedele a una ragazza come me. Non sanno quanto si sbagliano. Non conoscono il suo cuore e sono all’oscuro del suo segreto. Su una cosa però avevano ragione: non avrei dovuto innamorarmi di lui. Ho paura che, se resterò ancora una volta sola, sprofonderò di nuovo nel baratro. Perché adesso so che ogni giorno passato con Wes potrebbe essere l’ultimo…"

Siamo tutti un po' pazzi. E' questo che ci rende umani. 
Taglio la testa al toro e vengo subito al punto cruciale...questo libro mi è piaciuto TANTISSIMO!
Mi impegno per non perdere del tutto la ragione, quindi cercherò di non mettervi troppe citazioni (che potrebbero involontariamente fare degli spoiler) e di non ripetere ogni due righe quanto è bello questo libro. Seee...crediamoci! Questa recensione non s'ha da fare. >///<

La nostra protagonista è Kiersten, una ragazza che si è appena trasferita all'università, di lei scopriamo tutti pian piano.
Lisa è invece la sua compagna di stanza, che ci regala un'entrata ad effetto. :)
Scosse il capo. <No, l'ho rotta io ridendo. Devo dire che buttarsi giù dal letto a castello all'una di notte è uno sport da duri. Soprattutto se ti lanci su una lampada. Ma, tranquilla, non ha sofferto. Lo schianto l'ha uccisa sul colpo.>
E' una ragazza simpatica, che avrà un ruolo fondamentale per Kiersten.

Weston è uno dei ragazzi più popolari, ricchi, belli e talentuosi dell'università, ma si capisce da subito che ha un grande segreto, che ha stravolto l'ottica con cui guarda la sua vita e il futuro in generale.
Mi sembra giusto avvisare che Wes potrebbe infastidire (sia chiaro, non è il mio caso XD) è la fusione tra un bacio perugina e un maestro Zen, lui non parla, spara perle di saggezza ad alto tasso glicemico.

Ma se vi prendete il tempo per ragionare su quello che ha da dire...non ne resterete delusi.
Cavolo, riuscivo quasi a vedere la nuvola che incombeva sulla sua testa. e io potevo capirla fin troppo bene. Sorrideva, ma era chiaro che quel sorriso nascondeva altro; a volte sembrava immersa in chissà quali brutti pensieri, e veniva voglia di scuoterla.
Si pone come obiettivo quello di far tornare il sorriso a Kiersten.
Senti, non sono uno che indora la pillola, non ho tempo da perdere, io. Non sono il tipo che abbatte i muri un pochino alla volta. Sono diverso. Forse troppo diretto, me ne rendo conto. In effetti non mi regolo. Ma tu mi piaci e, diciamoci la verità, hai bisogno di me.
Lui è senza dubbi il mio personaggio preferito del libro.
Mi ha fatto ragionare, emozionare, ridere e commuovere.

Ma altro personaggio degno di nota è Gabe. Vi riporto una frase che spiega in parte perché son stata ben felice di sapere che il protagonista del secondo libro di questa serie fosse lui:
Con quella maglietta strappata i tatuaggi e i jeans attillati sembrava un po' Adam Levine dei Maroon 5.
Bene, è ufficiale. <3 Amore, amore folle e incondizionato! :P
Ok, mettiamo da parte la mia personale ossessione per Adam, per concentrarci su Gabe, che è un personaggio che merita la giusta considerazione.
Da questo libro sembra il classico bad boy, e non si analizza molto altro di lui. Cosa che invece avviene in Ricordati di amare. <3
Il fatto che tu abbia bisogno d'aiuto non ti rende meno forte. Le persone davvero deboli sono quelle che non vogliono ammettere di aver bisogno di aiuto. Sono quelle che non ammettono di non potercela fare da sole, Sono loro i deboli. Chiedendo aiuto e accettando di farti aiutare, hai soltanto ammesso la tua debolezza e così hai dimostrato la tua forza. I veri deboli, a questo mondo, sono quelli che credono di aver tutto sotto controllo e che per questo si vantano con gli altri.
Il modo in cui Wes pensa e parla della morte è opposto a quello di Kiersten, e spesso può sembrare indelicato, troppo diretto o persino cattivo. Ma è solo l'unico modo che ha per far breccia nella corazza di Kiersten.
Wes aveva preso il bagaglio emotivo che mi ero portata dietro fin lì, lo aveva aperto e poi svuotato.
A chi consiglio la lettura di questo romanzo? A tutti. No, non scherzo. E' un romanzo che, a mio parere, può lasciare qualcosa ad ognuno di noi.
Ognuno può trovare una frase o una situazione da cui poter trarne insegnamento.
Io sono la prova che affrontare le sfide della vita nonostante la paura di non farcela è la strada giusta da percorrere. Senza arrendersi mai, senza fermarsi, continuando a cercare di sconfiggere tutti i demoni che ci tormentano. La paura rischia di paralizzarti, di fermarti. Non ti fa andare avanti, ti fa rinunciare. Ma ricorda che se vinci quella paura, se riesci a superarla e a fare comunque ciò che devi, raggiungerai i tuoi obiettivi con una consapevolezza ancora più grande, perché allora saprai che stai davvero scalando l'Everest.
Avete letto questo romanzo? Se sì, son sicura che l'avete adorato come me. :P
Se non l'avete ancora letto...DOVETE recuperarlo quanto prima. <3

Aspetto i vostri commenti e considerazioni, nel frattempo vi auguro, come sempre, buone letture! <3

5 commenti:

  1. Che recensione piena di entusiasmo :) Mi sono piaciute le citazioni dal libro, specie quella sulla debolezza e sulle paure...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credimi, questo libro è fonte di ottime riflessioni. :) Si è capito che mi è piaciuto?! ^^"

      Elimina
  2. Come sai ho AMATO sia questo libro che il successivo, al punto da aver già letto il terzo in lingua XD
    Ero troppo curiosa!
    Bellissima recensione <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava Eli! Fortunatamente non devo aspettare ancora molto! <3 E grazie. Bacii

      Elimina
  3. L'ultima citazione sapete mica in che pagina del libro rimane? Edizione nord

    RispondiElimina