martedì 7 aprile 2015

Cancella il giorno che mi hai incontrato di Leisa Rayven

Sono tornata con una lettura condivisa con la cara Simona che ringrazio di cuore.
Ecco il link alla sua recensione: QUI

Titolo orginale: Bad Romeo
"Cassandra e Ethan. Quando sono sul palco insieme, a nessuno sfugge l’attrazione e la potente alchimia che si sprigiona tra loro appena si sfiorano o si guardano negli occhi. Una passione che toglie il respiro, davanti alla quale è impossibile restare indifferenti. Tanto che all’Accademia d’Arte di New York vengono scelti come protagonisti per lo spettacolo di fine anno, Romeo e Giulietta, la storia d’amore più famosa di tutti i tempi.
Però, una volta calato il sipario e smessi gli abiti di scena, il rapporto tra Ethan e Cassandra si rivela complicato e ingestibile. Lei è la classica brava studentessa, timida, ingenua e sempre pronta ad assecondare il prossimo pur di farsi accettare. Ethan invece è bello e dannato, con un volto da angelo ribelle a cui nessuna ragazza può resistere. Lasciarsi sembra l’unica soluzione per continuare a sopravvivere, anche se il dolore è devastante, soprattutto per Cassandra. Rimasta sola a New York deve ricominciare da zero partendo proprio da se stessa e dal suo cuore tradito. Mentre Ethan, baciato dal successo, è in tournée in giro per l’Europa.
Anni dopo, scritturati di nuovo per interpretare una coppia di amanti, Cassandra e Ethan si ritrovano sul palco ad affrontare i demoni del loro passato e il fuoco di quella passione che, nonostante il tempo, non ha mai smesso di ardere. Ma può un amore così intenso e lacerante finire davvero?"

"Tu devi essere il cambiamento che vuoi che avvenga."

BELLO! Questo libro è stato un vortice. Ammetto di essermi approcciata alle pagine con titubanza.
Romeo e Giulietta è una delle mie opere preferite di Shakespeare, quindi temevo di trovare scontata la storia. Invece no. Mi ha piacevolmente colpito.

Parto dalla copertina. La trovo mooolto bella. Intensa e dolce al tempo stesso. <3
Per la traduzione del titolo...non si poteva proprio lasciare l'origiale? Eh, no. >_>"
Altra nota "negativa" non è un libro autoconclusivo. Non che mi lamenti di tornare (mi auguro presto) tra le pagine di questa storia. Però Rayven, sei crudele! ^^"

La narrazione è in prima persona ed affidata a Cassandra. E si alternata tra passato e presente.
Dettaglio che mi è piaciuto sono gli spazi dedicati alle pagine del diario della protagonista.
In fondo i blog si possono considere una sorta di diario "virtuale" quindi approvo questo particolare.
La storia viene espressa in modo semplice, ed il lettore ne è subito coinvolto.
Ho riso, mi sono arrabiata, agitata ed emozionata. Può confermare anche il mio ragazzo, le ultime pagine le ho lette in sua presenza, e mi sono vergognata per le mie reazioni.
"Uh....Ma no...Leggi qui!!"  Ehm sì! Autocontrollo. Cristina...Autocontrollo!
Leisa Rayven ha uno stile irriverente, diretto e sincero. E ammetto che mi sono divertita in vari passaggi. E l'ironia delle pagine non è mai sforzata.
In testa sento la voce di mia madre: Una vera signora non suda, Cassie. Luccica.
In tal caso, mamma, in questo momento "luccico" come un maiale.
I protagonisti sono fantastici.
Parere personale, il personaggio di Cassie non viene descritto al meglio nella sinossi:
"Lei è la classica brava studentessa, timida, ingenua e sempre pronta ad assecondare il prossimo pur di farsi accettare."Sì. E' vero. Lo fa, asseconda gli altri, ma per difendersi. Vi avviso che c'è stata sintonia immediata con questo personaggio!
E' come al primo anno della scuola di recitazione, quando dicevo sempre quello che gli altri volvano sentire, per farli felici anche se io non lo ero.
Si sente inadeguata agli ambienti e alle persone che la circondano. Non ha ancora trovato una persona con cui essere se stessa al 100%.
Ora sapete quanto argomento mi stia a cuore, per cui difenderò a spada tratta la progonista. >///<
La frase in cui più mi sono rispecchiata è questa:
Non che non volessi bene a mio padre e a mia madre, anzi. Solo che avevano idee molto chiare su come avrei dovuto vivere la mia vita. Siccome sono figlia unica, e dunque programmata per fare qualsiasi cosa pur d'ottenere la loro approvazione, mi sono sempre attenuta strettamente ai loro ideali poco realistici. (...) Mia madre è una di quelle che ha sempre una soluzione per tutto. Il suo unico obiettivo è migliorare se stessa. O me.
Cassie trova rifugio nella recitazione, che le permette di vestire un ruolo ben definito.
Ed è quello che crede di fare anche con tutte le persone che incontra. Capisce quello che gli altri cercano in lei, e li accontenta. Almeno finchè non incontra Holt.
Con lui le è impossibile fingere, tutte le emozioni che prova sono senza filtri. Che siano positive o negative poco importa, ma sono vere.

Holt è un personaggio introverso. Chiuso come un riccio, scontroso e letale.
Nel corso della storia si capisce l'origine di ogni suo male, e personalmente comprendo le difficiltà che prova. Però ragazzo mio...trova uno sfogo per tutta la tua rabbia repressa. ^^"
Ho cercato di convincermi che non volevo niente da te e ho perso ogni cosa.
Sicuramente è il personaggio che tra i due tempi di narrazione subisce la rivoluzione maggiore.
Spero vivamente che nel secondo libro vengano forniti maggiori dettagli. Vorrei conoscere meglio il nostro Bad Romeo.
L'amore è questo. Perdersi nell'altro. Essere strappata a ciò che conosci per essere solo ciò che senti.
Tra i personaggi secondari il mio preferito è senza dubbio Tristan, il coinquilino di Cassie.
I tuoi chakra stanno schizzando da tutte le parti come fuochi d'artificio.
Non è solo un amico per lei, è un confidente e la cosa più vicina ad una famiglia. Reciprocamente provano puro affetto incondizionato.

Nonostante siano passati anni per Cassie è difficile perdonare. Ed è perennemente sulla difensiva.
L'amarezza è un ottimo rimedio: fa salire la rabbia in superficie. Mi ci avvolgo come fosse una corazza di ferro e trovo conforto nell'aggressività che ribolle.
Perdonare? Non è facile. Dimenticare? Impossibile. E per lei non è semplice andare avanti.
Ancor meno se sulla sua strada torna lui. Holt. Bello come un Dio greco, ammaliante, forte.
Ma resta comunque la fonte di ogni suo male.
Tuttavia non importa quante attenzioni mi dimostri, perché io non dimenticherò mai tutte le volte in cui sono caduta; non importa nemmeno che mi dica che ora è diverso, perché sono sempre stata io a rimetterci.
Spero di aver invogliato alla lettura di questo romanzo senza avervi svelato troppo della storia. Io l'ho letto in e-book, ma è mia intenzione recuperarlo in cartaceo. (Rettifico, è già in arrivo da Sant'Amazon XD)
Cassandra, cara, a volte non ha senso provare a riparare qualcosa che si è rotto, bisogna ripartire da zero, costruire qualcosa di nuovo. Di più bello.
L'avete letto? Pensate di farlo? Mi auguro di sì.
Leggilo! Leggilo! Ehi, tu! Parlo con te! Leggilo! <3

Buone letture! <3

5 commenti:

  1. Bellissima recensione Cry *-*
    Mi piacciono moltissimo tutte le citazioni che hai inserito, le trovo appropriate per le parole utilizzate per descrivere questo libro!! Che dire?? Anche io non vedo l'ora di leggere il secondo volume della saga ( gia il titolo originale mi intriga " Broken Juliet")!! Grazie per avere condiviso con me questa bellissima lettura! Baci <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, il titolo originale è molto bello. Peccato che sarà tradotto...:( Grazie a te! <3

      Elimina
  2. Eccomi, vediamo se oggi mi farà pubblicare i commenti...
    Avevo già intenzione di leggere questo libro, ma la tua recensione e l'incitazione finale mi hanno tolto ogni micro dubbio!
    Baci baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Eheh, grazie per la tenacia. XD
      Aspetto anche una tua opinione. Non te ne pentirai! Baci <3

      Elimina
  3. Ciao, bella recensione *-*
    Io avevo tanto sentito parlare di questo libro, ma alla fine non è che mi sia piaciuto particolarmente (trovi la mia recensione qui c: ) … Non so, l’ho trovato abbastanza gnocco e poco originale, anche se per fortuna Cassandra è finalmente una protagonista un po’ tosta e diversa dalle solite sovreccitate a cui siamo abituati ahah
    Un libro carino, insomma, ma non direi il capolavoro che mi aspettavo, purtroppo.
    Un saluto :3,
    Rainy

    RispondiElimina