lunedì 14 agosto 2017

[Manga] Amarsi, lasciarsi di Io Sakisaka

Titolo originale: Omoi, Omoware, Furi, Furare
Editore: PANINI COMICS

La storia ruota attorno a Yuna e Akari, due ragazze che in amore hanno idee completamente differenti: la prima lo vede come un sogno, mentre Akari ne ha una visione molto più realistica. Abbiamo poi Kazoumi, ragazzo svampito che non comprende nemmeno il concetto di amore, e Rio che accetta la corte di qualunque ragazza, purché sia carina.

Dalla stessa autrice di Strobe Edge e Ao Haru Ride - A un passo da te (che è uno dei miei manga preferiti!) è arrivata questa nuova storia che parla di Akari e Yuna.

Le due protagoniste si conoscono per puro caso alla stazione, entrambe stanno salutando due persone molto importanti per loro.
Scoprono inoltre di vivere nello stesso palazzo e frequentare la stessa scuola.
Akari è una ragazza molto razionale, schietta e socievole. Mentre Yuna è più introversa, poco sicura di sé e dall'animo romantico.
Hanno una visione opposta dell'amore, la prima è convinta di poter controllare i sentimenti, mentre la seconda pensa che i sentimenti non si possano comandare e sogna di poter vivere un amore come quello che legge negli shojo manga.


Con lo scorrere delle pagine si evidenzia la loro diversità di carattere.
Invidio la sua sicurezza quanto odio la mancanza di fiducia in me stessa. E invece di fare un attento esame dei miei difetti ho preferito criticare Akari-chan e la sua visione dell'amore.
C'è poi Inui, un amico d'infanzia di Yuna che Akari vede come possibile principe per l'amica, ma qualcosa mi fa pensare che lui sia interessato ad un'altra ragazza.

Yuna invece inizia a provare dei sentimenti per Rio, un bellissimo ragazzo che si scopre essere fratello di Akari. Visto gli standard del ragazzo, Yuna decide di non dichiararsi per paura di un rifiuto.

Mi è piaciuto che le protagoniste siano due ragazze e allo stesso tempo ho apprezzato come si sviluppa il loro rapporto d'amicizia. Bello il modo di evidenziare le differenze nel loro modo di approcciarsi all'amore.


Per i disegni di Io Sakisaka posso solo dire che io li AMO!
E' il genere di tratto che prediligo nei manga: pulito, dolce e che rende una perfetta armonia tra disegni e dialoghi.
Ammetto di aver rivisto dei tratti di Kou (protagonista di Ao Haru Ride) in Inui, ma la cosa non mi ha di certo disturbato, anzi. 😍

Il primo volume ci lascia con un bel finale a sorpresa, un invito ad attendere (con ansia 😨) il seguito, in edicola a Settembre.

Avete letto questo primo volume? Pareri?

Nessun commento:

Posta un commento